Tamarix gallica

Si presentano soprattutto i ricordi di quanto è stato, non mi fa sentire vecchio. Fantastico sul futuro per costruire ideali di pace da smontare il giorno dopo. La mia emotività si pone come una generazione distante solo in linea orizzontale, coetanea di un’altra dimensione. Il concetto di tempo è sempre più arcaico e non permette all’intelletto di imparare a sbattere le ali. Mistificazioni imposte con le arti, a combattere in silenzio il reticolo culturale della gestione accademica delle emozioni e degli impulsi nobili. La razionalità solo da adulta si è accorta di nuovo che a questo corpo appartiene un sorriso. Tenta di ascoltarlo e ha paura ch’esso si esprima in modo poco accurato, esteticamente non piacevole. Dopo alcune visioni forzate si chiede se l’abbia effettivamente mai ascoltato, riconoscendo il suo essere solo preparata sui libri, scritti in copia unica nel sé. Le varie dimensioni si ascoltano, iniziano a rendersi conto che ognuna emette condizioni di comunicazioni differenti alle nostre abitudini culturali. Il mare d’inverno sa raccontarti questa cosa meglio di molti amici. Ci vuole un millesimo di secondo per il mio cervello per percepire il ricordo della sabbia fredda di notte sui piedi, con i polmoni alimentati a salsedine di tardo luglio. La spiaggia è la stanza dove vorrei scrivere adesso, dove ogni idea nasce nel corpo senza lo sgarbo d’essere pensata. Sarebbe lì che sintonizzerei al mio cuore la dolcezza di quella creatura che ha deciso che la sua sofferenza si rivolgerà solo in privato al suo silenzio. Me la immagino bambina, ad imparare che la solitudine sa dare valori importanti come quelli dell’amare. La sento lontano, io che ho quell’orribile filtro della mia esperienza sulle possibilità di un’elaborazione emotiva. Volto il capo, punto il naso all’orizzonte. Devo al vento la mia capacità di ascoltare e di dipingere un’inquadratura cinematografica con i suoni. L’acqua è subito fredda al primo contatto, poi diventa un rifugio dagli spifferi della notte. Si determina un’ansia che vuole essere la messa a fuoco del raccolto di queste esperienze, l’anello di congiunzione mancante al punto di vista auto declamatosi ricco. Note basse, le poche luci oltre il golfo che definiscono da dietro l’unico scoglio. Questa sera nessuna collina in fiamme ci regalerà il disco che non abbiamo mai ascoltato. Stromboli è ancora circondato dalle sue piccole nuvole. La luna rossa si finge lava subito dietro. Non so se ne avessi mai realmente parlato con qualcuno. Mi sentivo in grado di non avere sensibilità affina con cui condividere le interpretazioni del cielo. Ho iniziato a lungo osservandolo, rendendomi conto dell’incomprensibile. Mi illudo sia possibile con delle luci poste a modo ricrearlo. So che anche stasera rimarrò convinto che una così delicata rappresentazione di colore è un’arte non indagata dalle accademie. Non ho dubbi che qualsiasi avvenimento mi possa distrarre da una nuova osservazione del teatro più sofisticato, del mare roseo e arancione con la spiaggia deserta. A questo ricordo sicuramente ti condurrei, per raccontarti dove ho scoperto quella complessità che in me chiamo innamoramento.

Stromboli

Riconsidero il concetto di tempo, dopo averci ragionato a più fasi per molti anni. Mi siedo sul frammento di un ricordo per cercare quello che non ho trovato a quei tempi. I problemi sono sempre simili, la consapevolezza di questi invece matura con la mia persona. In questi momenti, in cui le mie esigenze sono mosse da una concreta sensazione triste, da ragazzino, mi sarei messo a fissare il mare nell’ora in cui non v’è nessuno. Che sia questo il frammento di ricordo che cercavo, che sia io quella persona che credo di essere. Un documentario mi ha insegnato che ci sono persone a cui in famiglia non è stato insegnato come abbracciare, avverto subito una distante forma di empatia. Alzo il volume, ho bisogno di ascoltare i suoni non solo con le orecchie, devo permettere al mio corpo di ricostruire i ricordi di quando i suoni ti vibrano tra le ossa e i muscoli. Ballare per ballare. La mia guancia contro la tua.

some news.

Last month I’ve released a live performance, on my YouTube channel, I did at OIO.RADIO by the super OIO STUDIO. They have a gif tag to be randomly shown on their web page, my choose was Akira

It’s up on Spotify my remix of HINE by the awesome band OTU.

On the 16th of May my new record I CAN’T READ THE MIRROR will be released on ENGRAM RECORDING.

Love.

spalle.

bentornato silenzio. s’é appoggiato in coma un colore che raccoglie molte tue memorie, compresi i tentativi innumerevoli di ritrarlo. sembra l’arrivo del sentiero, la tanto attesa cima traguardo. i grani sotto le ginocchia non mentono, la sabbia infida si appoggia in ogni tua distrazione, invade e appesantisce lo spazio. e parli, e parli; sempre provi a farla uscire dalla bocca e questa s’inumidisce e ristagna. non riesco a stare proprio zitto io, non riesco a continuare ad ingerirvi cibo sopra, a combattere contro il mio amore. tanto ci metti a capire di aver compreso il tuo sorriso tanto ti ritrovi a versare lacrime sole, anche queste che si sentono prive di una casa. l’ostentazione delle certezze della propria forma di salute era un terribile tentativo di costruire una torre, fallimentare sin dalle fondamenta. uscio su un’autostrada di percorsi indipendenti e sempre disponibili, dimenticati per prendere una scorciatoia a fondo chiuso. riecheggiano dietro le barriere di contenimento le certezze altrui sulle mie scelte, le porto con me fino a che si dissolvono negli altri rumori, mi convinco che comunque non portavano con sé l’identità propria, marchiati dalla mia percezione degli stessi. fuliggine assorbita, parto immaturo, aggressivo reiterare. si alzano i riferimenti luminosi, riscrivono l’orizzonte. mi accorgo di nuovo della portata della mia distrazione, presenza decisamente mortale. le emozioni si riscoprono giovani, hanno sempre cercato di dire il loro, ma come tutti i giovani non avevano spazio. ora hanno anch’esse troppi anni, fanno fatica e vogliono riprendersi quanto hanno perso. chi sono io per tenderle altre gabbie? chi sono io per farmi così male? ne parliamo ancora. il sole cala. salutiamo entrambi in silenzio quello che ci rendiamo conto di non avere tempo di tenere, noi fitti di impegni. il sorriso continua a porre eco nelle settimane successive, si sposta di momento in momento senza recare troppo danno. un tempo non era così. ricordo terreni arsi sotto il petto a causa di questo. forse era troppo forte, o forse sono solo cresciuto. quel che importa è che davanti a quell’energia non ci siamo divisi, anche se abbiamo dovuto camminare in direzioni opposte. l’emotività appena adolescente richiede zuccheri. potrebbe sembrare obesa, ma forse è solo compulsiva. il suo vero nutrimento sono passi o pedalate e acqua, un impero continuo di energie non canalizzate, impazzite e voraci. sto molto in silenzio, ascolto la rabbia. quando questa vuole esprimersi il mio corpo è annoiato per non avere spazio ad altro. la lasciamo sfogare, le cerchiamo di parlare e lei sa tutto, ha solo bisogno di essere se stessa, come noi tutti. prendo la mano al bimbo che sono, posso forse dire solo adesso di averlo conosciuto meglio. camminiamo. parliamo. un giorno saremo io.